Mèningue

Bouffonnerue – Clownerie

La teatralità istantanea improvisata.
Performance Clownesca in ambiente urbano.
La seconda faccia dell’espressione di Méningue è una performance di teatro di strada che, appoggiandosi su una prodezza di attore, trova spontaneità e profondità in un’improvvisazione costruita su un canovaccio rigoroso di cui Méningue sfrutta tutte le opportunità che si presentano a lui, per mostrarci quanto siamo segnati, griffatti…  dalla società di consumo…
Bouffonnerue, più di 1200 performances in Europa e per il mondo.

Mèningue

Jean Ménigault, in arte “Méningue”, nasce a Orléans (Francia) nel dicembre 1965. Adolescente, inizia danzando hip hop e cresce artisticamente a Parigi frequentendo la scuola di mimo corporeo drammatico di Etienne Decroux, formandosi all’arte dell’attore e del clown con Philippe Hottier del Théâtre du Soleil di A. Mnouchkine, e lavorando come clown con il regista Philippe Adrien.
Creando i suoi propri numeri e spettacoli clowneschi inizia una carriera internazionale che lo porterà in Belgio, Germania, USA e nel 1992 per la prima volta in Italia per gli spettacoli e la promozione del parco Mirabilandia. Ne diventerà formatore, regista e direttore artistico nei vari spettacoli creati ad hoc e nelle sue le sue tournée.
Notato dal regista Stefano Salvati e poi da Lucio Dalla si esiberà nei loro videoclip e programmi televisivi.
Nel 2004 l’incontro con il maestro Henning Brockhaus lo porta ad un collaborazione per la creazione di ruoli clowneschi in varie opere, personaggi ideati grazie alla complicità con il regista.
Méningue è un clown, l’anima di un buffone che esercita la sua attività da solista, soprattutto in teatro di strada e in teatro, spesso in Italia, ma anche altrove. Méningue è anche un mimo, un attore e un ballerino, e talvolta è stato avvistato su scene di opere. Méningue è un regista; spesso ha ideato e diretto spettacoli per compagnie di clown. Méningue è un insegnante, che alcuni blog chiamano “gran maestro Jean Méningue”.
Méningue non è mai sazio delle sue performance improvvisate in strada e sul palco, oppure nei vari festival, nei casinò, in occasione di eventi (come il Tour de France ciclista nel 2003); ama inventare spettacoli di clown, fare tournée insieme a compagnie, collaborare a film di animazione, trasmettere la sua arte di clown in giro per l’Europa. Di questa sfida irresistibile, di questa metamorfosi continua, si nutre Méningue.

Official Web Sitehttp://www.meningue.com/#!/