Progetto Trent’anni Streghe

La manifestazione “La Notte delle Streghe” giunge nel 2018 alla sua trentesima  edizione. Per questo l’Amministrazione comunale, fin dal mese di dicembre 2017, ha pianificato di dedicare tutto il 2018 alla celebrazione di questa importante e storica ricorrenza, attraverso la proposta di un calendario dedicato contenente manifestazioni, iniziative ed eventi che abbiano come filo conduttore le “Streghe” ed i suoi 30 anni, e rinsaldando sempre più il legame tra Comune, comunità ed evento.
“La Notte delle Streghe” è ormai una importante vetrina, non solo per la comunità di San Giovanni in Marignano, ma per tutta la Riviera romagnola, a livello turistico-culturale, ma anche economico-commerciale, nonchè un’importante occasione di promozione per il nostro Comune, che è riconosciuto anche all’estero per la portata ed il valore dell’evento stesso.

Nasce così il progetto “Trent’anni Streghe”, che si prefigge l’ambizioso obiettivo di dar vita ad un anno intero di proposte, così che il 2018 sia ricordato, per San Giovanni, come l’anno “delle streghe”, con la finalità di perseguire una sempre maggiore integrazione tra piano comunicativo, scenografico, ludico-commerciale, associazionistico, programma animazioni e spettacoli, e fare percepire al pubblico “La Notte delle Streghe” come un evento corale, che riguardi l’intera comunità marignanese.
Per questo l’Amministrazione comunale ha scelto di creare una squadra di lavoro che affianchi le maestranze comunali, ricorrendo a delle professionalità esperte quali uno storico-antropologo, uno scenografo, un grafico ed un esperto in spettacoli, che possano dare un impianto unitario non solo all’evento “La Notte delle Streghe”, ma anche a tutte le proposte dell’anno. La squadra ha iniziato ad incontrarsi fin da dicembre 2017 per produrre il calendario e definire la tematica che accompagnerà tutto il progetto, che è stata identificata con il FUOCO.

La scelta del Fuoco è stata subito condivisa dall’intero gruppo, in quanto l’idea che sta alla base dell’intero progetto è quella di recuperare le tradizioni, le proposte, gli artisti, le idee e le suggestioni che hanno rappresentato “La Notte delle Streghe” in questi 30 anni, e di portarle nella contemporaneità, per dare alla manifestazione nuovo vigore e slancio creativo. Per questo il Fuoco è sembrata la tematica migliore:  rappresenta la purezza, il rinnovamento, ed è un elemento simbolico in ogni cultura, soprattutto in quella romagnola, che mantiene ancora vitali le tradizioni contadine.
Dal tema scelto sono scaturite le suggestioni relative alle immagini e alle idee scenografiche, artistiche e culturali per dare vita al calendario: la squadra ha dunque deciso di intersecare le tradizioni ed il calendario agricolo della Romagna, con la Ruota dell’Anno di celtica memoria.

Gli eventi proposti rappresenteranno dunque lo scandire delle stagioni: si parte dall’Equinozio di Primavera, per celebrare la rinascita della natura, si prosegue con il Solstizio d’Estate che culmina con “La Notte delle Streghe”, per poi continuare con l’Equinozio di Autunno, periodo in cui la natura si addormenta; non a caso le proposte si trasferiscono in luoghi di cultura al chiuso, come il Teatro e la Biblioteca comunale, per poi concludere l’anno con il Solstizio d’Inverno, che ci regalerà il libro celebrativo dei 30 anni di evento, occasione per fare il punto, e contemporaneamente “sognare” i prossimi 30 anni.
Non a caso, inoltre, il primo evento in calendario è un falò, un fuoco, in occasione di un momento molto importante per il ciclo dell’anno, il giorno di San Giuseppe, in cui in Romagna è molto sentita la tradizione della “Focheraccia”.
Come in diversi degli appuntamenti messi a calendario, la squadra non ha dovuto dare vita a nuovi eventi, in quanto a San Giovanni persiste la celebrazione dei momenti forti del ciclo contadino, grazie all’importante apporto ed impegno dell’Associazionismo, ma ha inserito le proprie proposte tematiche e celebrative all’interno della cornice già esistente. A questo proposito fin da ora ringraziamo il territorio, Associazioni, commercio e comunità per l’entusiasmo e la disponibilità con cui hanno salutato questa proposta. Laddove invece non erano presenti eventi dedicati, la squadra li ha costruiti ed ideati, andando a ricercare le figure che storicamente hanno fatto parte e storia della manifestazione; è il caso di alcuni artisti che saranno presenti durante l’anno, come Rulas, Quetzalcoatl, Fratelli di Taglia e Teatro dei Cinquequattrini.

Con questa modalità di lavoro, è nato un calendario di 16 eventi, in programma da marzo a dicembre, oltre alla manifestazione stessa, centro e culmine del progetto. Si è voluto coinvolgere il territorio a tutto tondo, a partire dall’Associazionismo e da ogni fascia d’età: è stato infatti inserito un evento in Biblioteca per i più piccoli con gli abitanti del Regno di Fuori, un concorso di poesia a tema per i ragazzi, “Le Notti Favolose”, un laboratorio creativo “Strega Fiorata” ed una mini rassegna di spettacoli per le famiglie, ma anche mostre, documentari e proposte teatrali per gli adulti. La volontà è stata inoltre quella di offrire occasioni di aggregazione ed intrattenimento, come nel caso dello spettacolo di Rulas alla Focheraccia, o dell’animazione in occasione della Primavera in Piazza, o del concerto Carmina Burana, ma anche momenti di riflessione, come il documentario che sarà proposto il 24 marzo o lo spettacolo Strix, che lancia un forte parallelismo tra l’inquisizione antica e l’era moderna. Si spazia dal teatro, alla musica, al cinema, alla cultura, alla lettura, alla scrittura, all’arte visiva. Un libro e una mostra dedicata saranno poi i prodotti di questa proposta progettuale, destinati a durare anche per gli anni a venire.

Gruppo_presentazione_progetto

A seguire troverete le locandine degli eventi al momento realizzati in questo “Anno delle Streghe”. Potrete consultare il Calendario completo dettagliato nella relativa pagina.